Concluse le indagini su un sistema illecito architettato per conseguire documenti di guida. 12 denunciati

4' di lettura 11/01/2023 - I Finanzieri del Comando Provinciale di Verona hanno concluso le indagini nei confronti di alcuni soggetti di nazionalità indiana, pakistana e italiana, di età compresa tra i 36 ed i 60 anni, dimoranti in Veneto, in Lombardia e in Emilia Romagna e ritenuti responsabili dell’illecito conseguimento della patente di guida.

In totale sono 12 le persone denunciate alla locale Procura della Repubblica e accusate, a vario titolo, per il fraudolento conseguimento della patente di guida attraverso la sostituzione di persone nel corso degli esami teorico-pratici e la falsificazione dei documenti identificativi e di soggiorno sul territorio nazionale.

L’attività d’indagine, svolta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Verona, ha preso le mosse oltre un anno fa e ha portato i Finanzieri ad approfondire la posizione e i movimenti di diversi soggetti (quasi tutti di origine extracomunitaria). Attraverso i più tradizionali servizi di osservazione e pedinamento e grazie all’incrocio di elementi estrapolati dalle banche dati in uso al Corpo, i Finanzieri – coordinati dalla Procura della Repubblica scaligera – hanno acquisito un quadro probatorio che ha trovato conferma a seguito delle perquisizioni e dei conseguenti sequestri nei confronti di una vera e propria “cellula criminale” costituita da due cittadini di nazionalità indiana, legati da vincoli di parentela e dimoranti rispettivamente nelle province di Verona e di Modena.

Semplice quanto efficace il sistema delittuoso posto in essere dai due per consentire agli altri soggetti (denunciati in concorso) il fraudolento conseguimento della patente: i due indiani, infatti, si sostituivano materialmente ai candidati (per lo più loro connazionali) che avrebbero dovuto sostenere gli esami di guida, presentandosi presso le sedi d’esame ed esibendo documenti d’identità recanti i dati anagrafici degli interessati al titolo abilitativo, ma abilmente falsificati attraverso l’apposizione della propria fotografia.

Gli esaminatori degli Uffici della Motorizzazione Civile di svariati capoluoghi del Nord Italia, ignari del sistema truffaldino posto in essere, al superamento delle prove teorico/pratiche (sostenute sempre dai medesimi soggetti), rilasciavano patenti di guida intestate ai reali interessati ma riportanti le fotografie di chi invece si era effettivamente presentato a sostenere l’esame.

Conseguita così l’abilitazione alla guida, gli effettivi intestatari dei documenti (che nei fatti non avevano svolto alcuna prova d’esame) denunciavano falsamente lo smarrimento della patente e richiedevano alla Motorizzazione l’emissione del duplicato, allegando a tal fine una nuova fotografia, questa volta ritraente l’effettivo intestatario che in tal modo otteneva definitivamente una patente formalmente del tutto regolare che lo abilitava alla guida di autoveicoli. È facile immaginare i conseguenti gravi rischi per l’incolumità pubblica nella circolazione stradale.

Chiaramente, per ottenere la patente senza sostenere alcun esame i “furbetti” aspiranti corrispondevano ai soggetti promotori dell’illecito meccanismo, un compenso quantificato dai Finanzieri in una somma oscillante tra i 5 e gli 8 mila euro.

Ampia l’area di operatività dei due organizzatori: i fatti illeciti contestati sono stati infatti commessi in diversi ambiti territoriali: Verona, Vicenza, Padova, Brescia, Bergamo, Mantova, Milano, Sondrio, Varese e Reggio Emilia.

Al termine dell’operazione delle Fiamme Gialle veronesi, convenzionalmente denominata «PATENTI LATENTI», 12 soggetti sono stati quindi denunciati alla Procura della Repubblica di Verona per truffa nei confronti di un Ente pubblico, falso materiale, falso ideologico e sostituzione di persona. Le patenti illecitamente conseguite, dopo la segnalazione dei Finanzieri sono state annullate dai competenti Uffici della Motorizzazione che sono risultati esenti da qualsivoglia responsabilità in tale vicenda.

L’A.G. inquirente, negli scorsi giorni ha quindi emesso – a carico degli indagati – l’avviso di conclusione delle indagini preliminari ai sensi dell’art. 415 bis c.p.p..

Si precisa che il relativo procedimento penale è basato, allo stato, su imputazioni provvisorie che dovranno comunque trovare riscontro in dibattimento e nei successivi gradi di giudizio, in quanto la responsabilità penale degli indagati sarà accertata solo all’esito del giudizio con sentenza penale irrevocabile. Nei confronti degli stessi vige, pertanto, la presunzione di innocenza che l’art. 27 della Costituzione garantisce ai cittadini fino a sentenza definitiva.

Questa ulteriore importante operazione testimonia, dunque, come resti sempre alta l’attenzione e continuo l’impegno della Guardia di Finanza a tutela della legalità, per contrastare ogni forma di illecito e per smantellare i contesti criminali che ne traggono profitto, ai danni della collettività ed esponendo a serio rischio l’incolumità dei cittadini nella circolazione stradale.








Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2023 alle 11:21 sul giornale del 12 gennaio 2023 - 42 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dMr5





qrcode